Vittoria

Ancora arrestato il 18enne terribile

Patteggia undici mesi e viene rimesso in libertà. Poche ore dopo la Polizia lo arresta un'altra volta per furto

Polizia Vittoria

VITTORIA - Il tempo di essere processato per direttissima, patteggiare undici mesi di reclusione e 300 euro di multa e tornare... in carcere. E' il nuovo record ottenuto dal 18enne terribile Simone Giannone, che, dal giorno in cui è diventato maggiorenne, sta collezionando arresti su arresti, reati su reati. In Tribunale era stato condannato, con il patteggiamento, per furto aggravato, resistenza a pubblico ufficiale e tentata evasione. Ossia i reati per i quali era stato arrestato il 3 febbraio. Al termine dell'udienza, il giudice monocratico lo ha rimesso in libertà, disponendo solo l'obbligo di presentazione in Commissariato tra le 18 e le 20. Detto, fatto. Giannone è arrivato alle 17.30 e poi se n'è andato via a piedi. Un'ora dopo, alla sala operativa è arrivata la denuncia di un furto di una mountain bike, che era custodita all'interno di un garage. Il ladro aveva forzato la serratura della saracinesca e poi se n'era andato con la bici. Alcuni testimoni, hanno fornito ai poliziotti una descrizione del ladro. C'è voluto poco per capire che era un'altra "prodezza" di Giannone. Ancora un'ora e il 18enne terribile è stato intercettato in via Ruggero Settimo: era in sella alla mountain bike di cui era stato denunciato il furto. Visti gli agenti, Giannone ha abbandonato la bici ed è scappato a piedi. E' stato subito raggiunto e arrestato. In tasca, gli agenti gli hanno trovato anche una piccola quantità di hascisc. La bici è stata restituita al proprietario, mentre per Simone Giannone si sono riaperte le porte del carcere di Ragusa. Ne era uscito attorno alle 10; vi ha fatto ritorno alle 21.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi