Ragusa

Finge d'andare in ospedale ma va a rubare

I carabinieri hanno arrestato un uomo di 30 anni che si trovava ai domiciliari. Ai militari aveva detto di dover andare in ospedale ed invece è andato a rubare nell'abitazione dell'ex convivente

Finge d'andare in ospedale ma va a rubare

RAGUSA - E' finito in carcere Alessio Solarino, 30 anni, ragusano, che si trovava agli arresti domiciliari nell'abitazione del padre. L'uomo ha chiamato la sala operativa del comando dei carabinieri per informarli che stava uscendo da casa per andare in ospedale in quanto non stava bene. I carabinieri hanno atteso un po' di tempo e poi sono andati a controllare al pronto soccorso, dove, però, il 30enne non si è mai presentato. In caserma, invece, è arrivata l'ex convivente dell'uomo, denunciando un furto nella propria abitazione: erano stati portati via 150 euro. I militari dell'Arma hanno subito collegato l'uscita di Solarino da casa con il furto. Sono iniziate le ricerche dell'uomo, che, in breve, è stato rintracciato. Sottoposto a perquisizione, in tasca gli sono stati trovati i soldi rubati nell'abitazione dell'ex convivente. Solarino è stato, di conseguenza, arrestato e stavolta è stato portato in carcere. Secondo quanto ricostruito dai militari dell'Arma, l'uomo aveva deciso di andare a rubare nella casa dell'ex compagna, di cui aveva ancora una copia delle chiavi. Così, per evitare i controlli dell'Arma, ha pensato bene di costituirsi un alibi, annunciando l'intenzione di andare in ospedale. Ma il suo trucco è stato subito scoperto e la denuncia della donna ha fatto il resto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi