Ragusa

Troppe morti in ospedale, chiesta ispezione

Ad allarmare i 14 decessi in sei mesi nel reparto di Chirurgia. La senatrice Venerina Padua (Pd) ha annunciato che ha presentato un'interrogazione sul caso. Al ministro Lorenzin chiesto l'invio degli ispettori.

Ospedale Civile Ragusa

Ragusa - Quattordici decessi nel reparto di Chirurgia dell'ospedale "Civile" di Ragusa nell'arco di sei mesi. Un dato che lascia riflettere e preoccupa. Alcuni di questi sono già al vaglio della magistratura perché i familiari dei deceduti hanno presentato denuncia. La senatrice Venerina Padua ha presentato un'interrogazione sul caso, chiedendo, nello stesso tempo, che il ministro della Salute Beatrice Lorenzin invii gli ispettori per far luce sulle morti. L'ispezione ministeriale dovrebbe accoppiarsi a quella già disposta dall'Asp. Chiesta anche l'audizione dei vertici dell'Asp alla presidente della commissione Sanità del Senato. La parlamentare sciclitana si chiede «cosa non va nel reparto di Chirurgia dell’ospedale "Civile"?». La parlamentare Pd aggiunge: «Non è mia intenzione creare allarmismi o crocifiggere chicchessia. Ma questi dati devono comunque spingerci a riflettere. Le eventuali responsabilità penali saranno accertate. Auspico che l’indagine interna dell’Asp possa fornire chiarimenti in tempi rapidi a pazienti e cittadini, che, ormai, sono profondamente delusi dal doversi confrontare con una sanità che, purtroppo, ha visto diminuire, e di parecchio, gli standard qualitativi dei servizi. Il caso Ragusa ci deve fare riflettere e spingere tutti a valutare, con la massima attenzione, quali i passi da compiere per evitare che si ripetano episodi del genere. Non possiamo che essere amareggiati dall’apprendere vicende del genere, anche se è assolutamente necessario verificare, lo ribadisco, le eventuali responsabilità».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto