Modica

Trasportavano droga, due in arresto

Un marocchino e un pozzallese sono stati bloccati appena scesi dal pullman proveniente da Palermo. Un terzo giovane, che li attendeva in auto, ha provato a scappare, ma è stato inseguito e fermato. Anch'egli è finito in carcere

Trasportavano droga, due in arresto

L'involucro con l'eroina recuperato dalla Polizia di Modica

Modica - Due pozzallesi e un marocchino residente a Pozzallo sono stati arrestati dagli agenti della Polizia di Stato per detenzione illegale di droga. Si tratta di Nicosò Buscemi, 30 anni, Vincenzo Figura, 29, e di Mustapha Rheydouni, 46. I tre sono stati bloccati appena scesi dall'autobus che collega con Palermo. Proprio il nordafricano, da anni ormai in provincia di Ragusa, era l'oggetto dei controlli. Conosciuto come "Mustapha", l'immigrato era sospettato di essere uno degli spacciatori più attivi nel Pozzallese. Gli agenti, tra l'altro, avevano appurato che l'uomo si recava spesso a Palermo, accompagnato da giovani incensurati. Il sospetto che andasse a rifornirsi di droga, sfruttando gli insospettabili, era molto forte. Così, è stato deciso di effettuare il controllo a sorpresa. All'ora prevista per l'arrivo del pullman, diverse pattuglie si sono dirette alla fermata dei bus di piazzale Falcone-Borsellino, in attesa del marocchino. Agli Agenti non sfuggiva la presenza di una Nissan Micra con a bordo un giovane che sembrava attendere proprio il pullman proveniente da  Palermo. Gli agenti notavano subito che dal mezzo pubblico erano scesi solo due passeggeri, ovvero il marocchino Rheydouni ed un giovane, che si dirigevano verso la Nissan Micra. I due erano subito bloccati, mentre il conducente della macchina, incurante dell'alt e della presenza di un poliziotto davanti alla sua autovettura, ingranava la marcia e iniziava la sua folle  corsa  per corso Umberto e via Nazionale, inseguito dalle pattuglie della Polizia. Il giovane, identificato successivamente per Figura, veniva bloccato da una delle volanti. Durante le fasi concitate in cui la Polizia bloccava ed immobilizzava i due, Buscemi, alla vista dei poliziotti, buttava via un involucro di colore bianco che teneva in una tasca del giubbotto. Il gesto non è sfuggito agli agenti che lo recuperavano subito, accertando che al suo interno c'erano una trentina di grammi di eroina. Rheydouni e Buscemi sono stati immediatamente arrestati per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio, mentre a Figura veniva contestato il reato di  favoreggiamento personale e resistenza a pubblico ufficiale. I tre sono stati trasferiti nel carcere di Ragusa, in attesa dell’udienza di convalida.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi