Ragusa

Maxi sequestro di uccelli, denunciati 5 maltesi

La Polizia provinciale li ha sorpresi in contrada S. Icoro. Avevano già catturato cento volatili destinati ad essere rivenduti nell'isola dei Cavalieri

Maxi sequestro di uccelli, denunciati 5 maltesi

Il momento della liberazione dei cardellini

Ragusa - Cinque maltesi denunciati e cento uccellini sequestrati. E' l'esito del servizio della Polizia provinciale, che, in contrada S. Icoro, tra Modica e Ragusa, ha scoperto un gruppo di persone che era dedito alla cattura di volatili. I maltesi hanno utilizzato cinque cardellini e cinque verzellini come richiamo. Inoltre, usavano un cardellino imbrigliato sopra una canna come zimbello. Quando gli agenti sono arrivati, erano stati già catturati cento fringillidi, stipati in piccole scatole di cartone. Considerando la quantità di scatole e gabbiette, l'obiettivo era arrivare a cinquecento volatili, che sarebbero stati poi rivenduti nell'Isola dei Cavalieri. I cinque maltesi sono stati bloccati e identificati. Sono stati, quindi, denunciati per uccellagione, furto venatorio e maltrattamento di animali. I fringillidi già catturati sono stati tutti liberati nella stessa area in cui erano stati catturati. Il cardellino utilizzato come zimbello, invece, è stato affidate alle cure di un veterinario: aveva le ali spezzate e nel petto gli era stato conficcato un amo che serviva per tenerlo attaccato alla canna. «Molti di questi animali - ha spiegato il comandante della Polizia provinciale Raffaele Falconeri - sarebbero andati incontro a morte considerato che venivano riposti in piccole scatole di cartone con notevole difficoltà respiratorie che avrebbe impedito loro di non cinguettare e di eludere così il controllo della dogana nel momento in cui si sarebbero imbarcati sul catamarano per Malta».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi