Ragusa

Attivisti al M5S: sospendete Piccitto

E' scontro aperto tra i grillini iblei con un meetup oppositore del sindaco che invoca per il primo cittadino lo stesso metro di giudizio usato per valutare la situazione di Gela

Attivisti al M5S: sospendete Piccitto

Federico Piccitto

Ragusa - Sospendere il sindaco Federico Piccitto dal Movimento Cinque Stelle «per mancato rispetto dei principi cardine del Movimento e mancato rispetto del programma elettorale». Dopo Gela, un altro caso “grillino” a Ragusa? Ad avanzare la richiesta è stato il meetup “RagusaCinqueStelle”, il gruppo di pentastellati costituitosi dopo la defenestrazione dell’assessore all’Ambiente Claudio Conti e da quel momento il maggior oppositore interno del primo cittadino di Ragusa.

Già una volta, il meetup ha contestato apertamente le scelte di Piccitto e, per tutta risposta, il gruppo 5 Stelle dell’Ars ha risposto che l’unico autorizzato a parlare a nome del Movimento era il sindaco. Il che chiarisce in toto quali sono i rapporti di forza all’interno del movimento tra gli oppositori e il primo cittadino. Solo che, questa volta, anche il gruppo consiliare sembra non ritrovarsi più in sintonia con il sindaco, tanto di richiedergli l’azzeramento della giunta e una politica finalmente concertata tra consiglieri e primo cittadino, gli unici, hanno tenuto a sottolineare, ad aver ricevuto un’investitura elettorale.

La situazione, insomma, è estremamente delicata e “RagusaCinqueStelle” prova ad insinuarsi in questo confronto interno per far cacciare dal movimento anche Federico Piccitto. Avvertendo: «Due pesi e due misure? Speriamo proprio di no». Ed il riferimento, nemmeno troppo velato, è a quanto accaduto a Gela, il cui primo cittadino è stato espulso dai grillini proprio qualche giorno fa.

Il meetup oppositore rimarca le “differenze” tra Ragusa e Gela: «Il sindaco del comune di Ragusa vola basso, diluendo nel tempo le sue inosservanze, per non dare troppo nell’occhio, mentre quello del comune di Gela ha bruciato le tappe. A Gela consiglieri e assessori del Movimento hanno avuto il coraggio di ribellarsi alle decisioni unilaterali del sindaco; a Ragusa una gran parte dei consiglieri, nonostante sia in totale disaccordo con quanto fatto dal sindaco, continua a “reggere il moccolo”».

Ma non c’è solo questo. Si fa riferimento alla sostituzione degli assessori Di Martino, Brafa e Conti. E si spiega: «Gli ex assessori Di Martino e Brafa, coerenti con lo spirito di servizio che contraddistingue il vero attivista 5 stelle e dopo opera meritoria, hanno ceduto il passo, a seguito dimissioni chieste esplicitamente dal sindaco, senza giustificato motivo, nella speranza che venissero sostituiti da altre professionalità ancora più capaci; mentre a Conti, nonostante il rilevante contributo fornito, è stata ritirata la delega, stranamente,  nel momento in cui stava facendo ordine nel settore appalti dei rifiuti, intaccando interessi pregressi e già consolidati».

Insomma, ce n’è abbastanza per mettere in stato d’accusa Federico Piccitto, arrivando alla sua sospensione. Senza dimenticare altri particolari, ritenuti fondamentali dal meetup contestatore: la costituzione di un’alleanza con il movimento “Partecipiamo”; mancata attuazione del bilancio partecipato; atteggiamento contraddittorio sulle concessioni per ricerche petrolifere; mancata riduzione del 30% del gettone di presenza per tutti i consiglieri comunali; mancato reintegro dell’assessore Stefania Campo, nonostante «una petizione pubblica chieda al sindaco di richiamare la Campo in giunta». Per non parlare, infine, della costruzione di alberghi in verde agricole e della riattivazione dei Piani di edilizia economica e popolare, che l’ex assessore Di Martino stava per bloccare; e la mancata demolizione di case abusive lungo il litorale ibleo.

Tutto questo, sostiene “RagusaCinqueStelle”, dimostra che «i tempi sono maturi affinché Piccitto venga sospeso dal Movimento 5 Stelle e la sua posizione esaminata».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Via dei Mille, rubate 15 piantine

Via dei Mille, rubate 15 piantine

di Maurizio Licordari

De Luca, ecco le querele

De Luca, ecco le querele

di Maurizio Licordari