Pozzallo

Scoperta casa a luci rosse, denunciato un pensionato

L'uomo ha ammesso le proprie responsabilità ed ha spiegato di averlo fatto per arrotondare. All'interno "lavoravano" tre ragazze rumene

Casa d'appuntamento Pozzallo

L'ingresso dell'immobile trasformato in casa d'appuntamento

Gli agenti della Squadra Mobile di Ragusa hanno individuato a Pozzallo l’abitazione di un pensionato che era stata trasformata in una casa d'appuntamento. A mettere in moto la Polizia le segnalazioni dei residenti nella zona che avevano notato uno strano via vai nell’abitazione. Gli agenti, attraverso una discreta fase di appostamento, hanno appurato che nell’abitazione vi fossero tre donne rumene che si prostituivano da settimane. A differenza delle altre case chiuse ad oggi, il proprietario non dava in locazione l’intera casa, ma, vivendo all’interno, affittava due stanze alle rumene favorendo così la prostituzione. L’uomo era ben consapevole dell’attività delle ragazze, tanto che ammetteva le proprie responsabilità, dichiarando di averlo fatto per arrotondare in quanto pensionato. Adesso dovrà rispondere di favoreggiamento e rischia anche il sequestro dell’immobile in quanto luogo dove veniva commesso il reato. Le ragazze rumene avevano avuto il numero da altre “colleghe” che avevano riferito della disponibilità di questa casa. Il guadagno mensile per il pozzallese si aggirava intorno a cinquemila euro mensili, stante il fatto che erano presenti tre prostitute che pagavano 180 al giorno. Nel 2014 sono state chiuse ben 15 case, la maggior parte nel comune di Ragusa, ma anche in altre zone. Diversi sono stati i sequestri delle abitazioni adibite dai proprietari o locatari a luoghi dove poter consumare sesso a pagamento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi