AEROPORTI

Chiusura pista Fontanarossa, varato Sigonella 2012

Pronto il Piano dei Voli e le Istruzioni per i passeggeri, 72 tratte al giorno, 30 da/per Roma Fiumicino. Confermati diretti per quattro città Germania

Chiusura pista Fontanarossa, varato Sigonella 2012

Sac informa che è stato completato, e nelle prossime ore sarà pubblicato sul sito, il Piano dei Voli relativo al periodo compreso fra il 5 novembre e il 5 dicembre 2012, quando la pista dell’Aeroporto Internazionale di Catania Fontanarossa sarà chiusa al traffico per consentire i lavori di riqualificazione dell’Air Side. Tutte le operazioni di volo saranno ospitate nella vicina base militare di Sigonella grazie a un accordo sottoscritto dall’Aeronautica Militare, dall’Enac e dalla società di gestione dello scalo di Catania, che ne sostiene gli oneri finanziari. Insieme al Piano dei Voli, che contiene tutti i collegamenti settimanali da/per Catania operati dalla pista di Sigonella,

L’Aeroporto di Catania Fontanarossa per tutta la durata dei lavori straordinari di riqualificazione della pista – tempo stimato di realizzazione 30 giorni, come da cronoprogramma – eccezionalmente resterà aperto al pubblico, proprio in considerazione dell’importanza che lo scalo etneo (il più grande della Sicilia e del Sud Italia, sesto fra gli scali italiani con circa 7 milioni di passeggeri l’anno) riveste per i siciliani di sette province essendo l’unica infrastruttura dell’isola che garantisce la mobilità e il superamento della marginalità geografica.

Il Piano dei Voli, già condiviso con le compagnie aeree che hanno aderito al progetto Sigonella 2012, insieme alle Istruzioni al Volo – oggetto di una specifica campagna di informazione - saranno pubblicati nelle prossime ore sul sito della Sac nella doppia versione italiano e inglese e potranno essere scaricati autonomamente dagli interessati contribuendo alla loro massima divulgazione.

Saranno 30 giorni complessi e intensi. E, nonostante Sac stia mettendo in atto tutti gli accorgimenti per alleviare i disagi ai passeggeri, disguidi e ritardi saranno presumibilmente inevitabili. In casi analoghi lo scalo e l’aerostazione sospendono del tutto l’attività e il traffico prosegue su scali limitrofi. Non poteva essere il caso di Catania, dove gli aeroporti civili più vicini, si fa per dire, sono a Palermo, che dista circa 200 km da Fontanarossa, e a Reggio Calabria, da cui ci separa lo Stretto di Messina. Senza contare le storiche carenze infrastrutturali in termini di trasporto pubblico su rotaia che impediscono l’intermodalità treno-aereo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi