DISCIPLINARE CSM

Via da Siracusa
capo procura
e sostituto

Quello adottato dal "tribunale delle toghe" è un provvedimento cautelare, cioé assunto in via d'urgenza,per la gravità dei fatti contestati, prima della fine del procedimento disciplinare che il ministro ha avviato a loro carico e nei confronti di un altro magistrato dell'ufficio, il sostituto Roberto Campisi

Csm
Quello adottato dal "tribunale delle toghe" è un provvedimento cautelare, cioé assunto in via d'urgenza,per la gravità dei fatti contestati, prima della fine del procedimento disciplinare che il ministro ha avviato a loro carico e nei confronti di un altro magistrato dell'ufficio, il sostituto Roberto Campisi. A far finire nei guai il procuratore, la sua "allarmante preoccupazione di proteggere i propri legami familiari e sociali", in particolare "in vari procedimenti in cui erano in gioco interessi patrimoniali dei suoi familiari o di persone a loro legate". Una condotta che -sottolinea il capo di incolpazione- va a discapito di quei principi di "correttezza e imparzialità" a cui il capo di un ufficio di Procura è tenuto nella gestione del proprio ruolo; e che getta "pesanti ombre sul prestigio della magistratura e mina nella fondamenta la fiducia nelle istituzioni". Musco è accusato invece di aver fatto "un reiterato e distorto uso" della sua "delicata funzione" di magistrato, e di avere "consapevolmente e reiteratamente" violato l'obbligo di astenersi da indagini in cui poteva avere un interesse diretto o indiretto. Nell'atto di incolpazione si fa riferimento ai suoi rapporti con un avvocato a cui sono da ricondurre una serie di imprese attive nel territorio e che sono state, a vario titolo, oggetto di verifiche e indagini da parte dei magistrati al centro dell'azione disciplinare; imprese in cui sarebbero soci o comunque ricoprirebbero ruoli parenti degli stessi magistrati. Al pm viene addebitato anche di aver smentito, nel 2007, l'iscrizione di alcuni indagati nell'ambito dell'inchiesta per scommesse clandestine nel calcio su partite del Catania, per creare vantaggio alla società calcistica.

"Non voglio commentare, ma la ritengo un'ingiustizia e farò ricorso in Cassazione". Così il procuratore capo di Siracusa, Ugo Rossi, sulla decisione della sezione Disciplinare del Csm che, su richiesta del ministro alla Giustizia, Paola Severino, ha disposto il trasferimento d'ufficio del magistrato. (ANSA)

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi