ROSSANO

Caputo dice no
alla soppressione
del tribunale

Il consigliere regionale è contrario all'ipotesi di chiusura. Nella nota, rivendica il ruolo che il palazzo di giustizia ha nella zona della Sibaritide e basso Ionio

Caputo dice no
alla soppressione
del tribunale

"La questione di civiltà, di metodo e di cittadinanza, unanimemente condivisa sul no incondizionato alla soppressione del Tribunale di Rossano ha dimostrato e sta dimostrando che, sulle grandi sfide di questa terra, popolazioni ed istituzioni ignorano ogni forma di distinzione, preferendo l'utilità e l'efficacia delle battaglie comuni". E' quanto afferma, in una nota, il consigliere regionale Giuseppe Caputo, presidente della Prima Commissione Affari istituzionali. "Soprattutto la Sibaritide ed il basso Jonio - prosegue Caputo - hanno il diritto di rivendicare, in tutte le forme di espressione consentite, decenni e decenni di evidenti disattenzioni e di scarsa incisività da parte dei governi nazionali. Così come hanno il dovere, cosa che sta avvenendo, di ricercare con intelligenza, equilibrio e senso di responsabilità tutte le necessarie e naturali convergenze sulla vicenda del Tribunale certo, ma, più in generale, su tutte le prospettive di sviluppo sostenibile di questa importante zona della Calabria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi