Gioia Tauro

'Ndrangheta: sfuggito all' operazione Ares, si costituisce ai Carabinieri

L'uomo è accusato di aver fatto parte dell'associazione il cui fine era quello di importare dal Sud America ingenti quantitativi di cocaina e dalla Spagna notevoli quantitativi di hascisc.

droga

I carabinieri del Nucleo investigativo del Gruppo di Gioia Tauro e della Tenenza di Rosarno hanno dato esecuzione al provvedimento di fermo emesso nell'ambito dell'operazione Ares dalla Dda di Reggio Calabria a carico di Cristian Pagano, di 38 anni, di Rosarno. L'uomo, che si era sottratto all'esecuzione della notte precedente, si è presentato al comando Gruppo carabinieri di Gioia Tauro accompagnato dal proprio legale di fiducia.
Pagano è accusato di aver fatto parte dell'associazione, promossa, diretta, organizzata e finanziata da Giovanni Battista Cacciola e da Rosario Grasso, di 36 anni, il cui fine era quello di importare dal Sud America ingenti quantitativi di cocaina e dalla Spagna notevoli quantitativi di hascisc. Una delle mansioni affidate a Pagano, secondo l'accusa, riguardava il supporto logistico degli emissari della cosca inviati nei paesi dell'America Latina, specie in Colombia, dove trattavano le partite direttamente con i narcos dei cartelli colombiani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi