Reggio Calabria

Inchiesta sulla casa di cura "villa Aurora", sei arresti

In un comunicato la Guardia di Finanza, riferisce che le indagini hanno messo in luce "la sussistenza di gravi indizi in ordine ai reati di false comunicazioni sociali, truffa e appropriazione indebita.

Inchiesta sulla casa di cura "villa Aurora",  sei arresti

Per Pietro Domenico Mangiapelo il Gip ha disposto la custodia cautelare in carcere, mentre Margiotta é stato posto ai domiciliari.
Gli altri arrestati sono Giorgio Rea, di 40 anni, ed Alessandro Casinelli (50), ex amministratori di "Villa Aurora", entrambi in carcere, e Patrizia Ferri (40) e Marco Petricca (35), anche loro coinvolti in passato nella gestione della casa di cura, per i quali sono stati disposti i domiciliari.
La misura dell'obbligo di dimora é stata emessa nei confronti di Giuseppe Musto, di 35 anni, collaboratore di Casinelli.
L'inchiesta che ha portato agli arresti é stata coordinata dal Procuratore della Repubblica aggiunto di Reggio Calabria, Gerardo Dominijanni, e dal sostituto procuratore Massimo Baraldo. In un comunicato la Guardia di finanza, riferisce che le indagini hanno messo in luce "la sussistenza di gravi indizi in ordine ai reati di false comunicazioni sociali, truffa e appropriazione indebita in capo ai diversi soci ed amministratori che, nel corso del tempo, si sono succeduti nella gestione e nell'amministrazione della casa di cura, conducendo a ritenere che alla base dell'acquisizione del pacchetto azionario della società, vi fosse l'esclusiva finalità di depauperarne il patrimonio. É stato dimostrato, tra l'altro, che le somme indebitamente prelevate e distratte dalle casse di 'Villa Aurora', sfruttando il meccanismo dei finanziamenti infragruppo, dopo che la struttura era stata acquisita dalla 'Gruppo Sant'Alessandro spa', sono state in parte impiegate in altre attività economiche riconducibili agli stessi indagati, mettendo in atto, dunque, condotte di autoriciclaggio. É stato così provocato un depauperamento del relativo patrimonio tanto da causare il dissesto e, di conseguenza, l'ammissione della società 'Villa Aurora srl' alla procedura di concordato preventivo. A carico degli amministratori protempore della casa di cura é stato rilevato, inoltre il sistematico omesso versamento delle somme dovute a titolo di sostituto di imposta dal 2012 al 2015. Omissione quantificata in via definitiva, con provvedimento dell'Agenzia delle entrate di Reggio Calabria, in due milioni e 119 mila euro".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi