San Ferdinando

Migrante ucciso: area tendopoli presidiata da forze ordine

Situazione tranquilla, in mattinata prevista assemblea

Tendopoli in fiamme, notte tranquilla a San Ferdinando

A San Ferdinando, nel giorno della mobilitazione decisa dopo l'omicidio di Soumaila Sacko, migrante maliano di 29 anni, e il ferimento di altri due connazionali sorpresi a raccogliere lamiere in una vecchia fabbrica poco distante, l'area che ospita la vecchia e la nuova tendopoli è presidiata dalle forze di polizia.

Un gruppo di una trentina di migranti si è raccolto davanti all'ingresso della vecchia tendopoli dove sono stati rovesciati cassonetti per impedire il passaggio delle auto. Più difficile arrivare nella nuova struttura, l'area è off limits per giornalisti e operatori tv. La situazione, comunque, al momento appare tranquilla. Per le prossime ore il sindacato Usb, di cui faceva parte il giovane ucciso, ha indetto un'assemblea. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Trovato ordigno sul pontile, a due passi dalla spiaggia

Falso allarme bomba al pontile

di Domenico Latino