Paravati (Vv)

Natuzza, ignorata la diffida del vescovo

Il rischio ora è che intervenga il Viminale nominando un commissario

Natuzza, ignorata la diffida del vescovo

Paravati

Nonostante la diffida del vescovo monsignor Luigi Renzo, ieri pomeriggio, l’assemblea dei soci della fondazione Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime, voluta e fondata da Natuzza Evolo, si è riunita regolarmente ed ha proceduto alla ratifica dei rappresentanti indicati dal Cda in carica quali nuovi componenti dell’organo di governo dell’ente morale. La scelta è ricaduta sui soci fondatori: Pasquale Anastasi, Fortunato Fogliaro, Rosa De Franceschi, Laura Iona, Margherita Milardi, Maria Grazia Naccari e Vincenzo Trungadi. Ratificata anche la nomina del collegio dei revisori nelle persone di Sergio Zavaglia, Vincenzo Gerace e Vincenzo Luberto.

È prevalsa, dunque, da parte dell’assemblea, presieduta da Giuseppe Condello, la volontà – al di là del decreto con diffida emanato dal presule – di ricostituire attraverso lo strumento della cooptazione, così come prevede l’articolo dieci dello statuto, gli organismi gestionali in vista anche delle prossime scadenze.

L’articolo in questione stabilisce, infatti, che il consiglio «sostituisce mediante cooptazione nel caso in cui, nel corso di un mandato, vengano a mancare uno o più consiglieri, per dimissioni o impedimento definitivo scegliendoli all’interno dell’Assemblea dei fondatori».

Leggi l'intero articolo nell'edizione digitale

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Nubifragio in città

Nubifragio in città

di Luana Costa