Politiche

Elezioni: i commenti al voto in Calabria

Elezioni: i commenti al voto in Calabria

"Il comitato 'Forza Italia per Maria Tripodi' esprime viva soddisfazione per l'elezione della dottoressa Maria Tripodi alla Camera dei Deputati nel collegio Calabria Sud. Il comitato, nato prima delle elezioni con l'intento di attuare una fattiva collaborazione si è proposto e si propone come sentinella per continuare a segnare e magari risolvere, quasi sicuramente, con l'On. Tripodi le annose questioni che martorizzano il territorio calabrese, in pericolar modo, la Città di Reggio Calabria. Ormai in questi ultimi anni stiamo assistendo all'impoverimento di una città e della sua provincia; le politiche attuate finora dal Partito Democratico che è tutt'ora al governo di Città e Regione sono solo riuscite a bloccare lo sviluppo del territorio. È inutile dire che ormai versiamo in condizione economico-sociali gravissime dovute alla mancanza di politiche di sviluppo ed alla totale cecità di una classe politica logora ed imprigionata nei suoi stessi modi di fare-politica. A coronamento di tutto ciò si assiste a fenomeni migratori di massa, soprattutto di giovani, che o per studio o per lavoro lasciano questa terra sfortunata. In tale contesto allarmante l'elezione di Maria Tripodi può rappresentare un faro di speranza per la comunità intera e siamo certi che la Sua azione, già dalle prime battute, potrà essere di sostegno al territorio".

***

"Il dato elettorale che emerge in modo inesorabile dalla urne avvia nei fatti la terza Repubblica dove la vocazione maggioritaria del Partito Democratico viene meno e viene bocciata in modo evidente la proposta politica del Partito Democratico di Matteo Renzi". Lo sostiene, in una dichiarazione, Francesco Laganà, Capogruppo del Pd a Calanna e Coordinatore della segreteria regionale dei Giovani democratici. "Gli elettori - aggiunge - hanno posto fine all'esperienza di questa classe dirigente che porta come unica e necessaria conseguenza quella di ripensare ad un Pd diverso, rifondato tanto sulla linea politica da adottare quanto sulle persone che possono e devono guidare questa fase politica dichiara Laganà".

***

"La neo deputata Santelli farebbe bene a rispettare la regola aurea del silenzio, invece di lanciarsi arditamente in dichiarazioni lontane anni luce dall'evidenza dei fatti e dei numeri, in un frangente che consegna il dato inequivocabile della sconfitta di Forza Italia in Calabria". Lo sostiene, in una dichiarazione, Antonio Eroi, del coordinamento regionale di Forza Italia. "La pagella che gli elettori hanno consegnato alle urne - aggiunge Eroi - certifica l'esperienza fallimentare di chi ha lavorato solo pro domo sua, per avere solo ed esclusivamente al proporzionale, nei collegi nord e sud, una candidatura blindata, a parti invertite, con Roberto Occhiuto, senza rischiare di mettere la faccia nell'uninominale. Una scelta comprensibile considerata la loro consapevolezza di non avere consensi e che risponde unicamente ad avidità e brama di potere che hanno sottratto spazi importanti, producendo in definitiva la grande debacle del partito azzurro a favore del Movimento Cinque Stelle. Il problema è stato compiuto a monte con la composizione delle liste fatte ad immagine e somiglianza del duo Santelli-Occhiuto, che hanno guardato esclusivamente alla loro posizione e a quella dei loro adepti".

***

"Abbiamo ottenuto un risultato importante, ringrazio tutti i nostri sostenitori ed i nostri elettori che hanno espresso un voto che ci aprirà le porte verso nuove sfide in ogni territorio della nostra amata terra e una menzione va senza dubbio ai nostri militanti che sono riusciti a portare il simbolo di CasaPound in tutti i collegi della regione impegnandosi poi in una campagna elettorale che ha di fatto riportato la vera politica in ogni territorio da noi visitato in questi mesi". Lo sostiene, in una nota, Federico Romeo responsabile regionale di Casapound. "Abbiamo ottenuto più di quanto ci aspettavamo - continua - raccogliendo ampi consensi dappertutto con punte soprattutto a Torano Castello (4,05%) e Falerna (3,88%) risultando così quinto partito e superando per punti percentuali FDI. Ancora Gioia Tauro (3,32%), Nicotera (2,35%), Lamezia Terme (2,04%), Reggio Calabria (1,34%). Quello che è emerso da queste elezioni - conclude Romeo - è che sempre più gente ha voglia di CasaPound e il nostro obiettivo sarà quello di radicarci sul territorio regionale portando avanti l'impegno nel continuare la nostra marcia lenta ma inesorabile verso la vittoria"

***

"Movimenti a parte, siamo il primo partito a Rossano con quasi il 13%. Un dato lusinghiero che premia il lavoro di questi anni, incastonato in un dato elettorale, quello scaturito da queste Politiche, frutto del lavoro di squadra con Forza Italia, Lega, Noi con l'Italia e Movimenti Civici di centrodestra". Lo dichiara il coordinatore regionale di Fratelli d'Italia, Ernesto Rapani, candidato alla Camera. "Ottenere quasi 28 mila voti, per di più con un distacco di 10 punti percentuali dal rappresentante del centrosinistra, deputato in carica in quei giorni, non sono numeri di poco conto se si considera che cinque anni fa i vincitori di questo collegio hanno incamerato 27 mila voti. Il dato è incoraggiante perché noi di Fdi abbiamo condotto una campagna elettorale parlando e proponendo il nostro programma alla gente, percorrendo 8 mila chilometri e visitando i 42 comuni del collegio. A Rossano, il dato è stato soddisfacente se si considera anche che ho ottenuto 600 consensi personali in più dei voti di lista. Ciò significa che se non ci fosse stato lo 'tzunami giallo', probabilmente ora staremmo a parlare d'altro. Il riconoscimento a me, uomo del territorio, è il frutto della stima alla persona per il lavoro responsabile di questi anni. Sensibilità ed intelligenza, dimostrate da altre realtà del territorio nelle quali sono risultato il primo eletto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Via libera al nuovo stadio

Via libera al nuovo stadio

di Domenico Marino