Cosenza

Quattro morti a Rende, ipotesi omicidio-suicidio

Vittime sono padre, madre e due figli

Quattro morti a Rendea, ipotesi omicidio-suicidio

E' il titolare di un negozio di strumenti musicali il presunto responsabile del caso di omicidio-suicidio avvenuto a Rende: il 57enne Salvatore Giordano. Il triplice omicidio e il suicidio sono avvenuti in una villetta singola in via Malta, in contrada Cutura di Rende dove viveva la famiglia dell'uomo ed i suoi genitori. L'ipotesi che sia stato lui a compiere la strage è verosimile, ma per averne la certezza si attende l'esito degli esami balistici e dello stub sui cadaveri.

Secondo quanto è emerso dalle prime indagini, l'uomo ha ucciso la moglie, Francesca Vilardi, di 59, ed i due figli Giovanni e Cristiana. La dinamica di quanto è accaduto è al vaglio dei carabinieri del Comando provinciale. I quattro cadaveri sono stati trovati all'ingresso dell'appartamento, in una zona residenziale di Rende, centro limitrofo a Cosenza. Nell'appartamento sono state trovate due pistole.

La tragedia sarebbe avvenuta la notte scorsa. Alcuni familiari, che vivono nelle villette vicine, avrebbero detto di avere sentito dei botti e di essere andati a controllare senza ricevere risposta. Oggi alle 14 sono tornati ed hanno fatto la scoperta chiamando i carabinieri. I figli dell'uomo, Giovanni e Cristiana, erano poco più che ventenni. Sul posto sono intervenuti il procuratore di Cosenza Mario Spagnuolo ed il comandante provinciale dei carabinieri Piero Sutera.

L'approfondimento nell'edizione in edicola domani 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi