Reggio Calabria

Pagati dipendenti Asp condannati: legale Marcianò, non è vero

Avvocato annuncia avvio raccolta atti per revisione processo

alessandro marcianò

Alessandro Marcianò, l'ex caposala dell'ospedale di Locri condannato in via definitiva come mandante dell'omicidio del vice presidente del Consiglio regionale della Calabria Franco Fortugno, non ha percepito illecitamente stipendi dall'Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria. Lo afferma il suo legale, l'avv. Pino Mammoliti che ha anche reso noto di avere avviato una raccolta di elementi per chiedere la revisione del processo per il suo assistito. "La notizia relativa al pagamento dello stipendio di Sandro Marcianò nonostante l'avvenuta condanna, per il momento in via definitiva - scrive in una nota - ha suscitato forte ilarità". Il direttore generale dell'Asp di Reggio Calabria Giacomino Brancati e Maria Grazia Laganà, vedova Fortugno, "manifestavano, urbi et orbi, indignazione poiché, a loro dire, il caposala Marcianò, già condannato in via definitiva, non essendo più percettore di stipendio dal novembre 2015, risultava in qualche modo, non si sa quale, dipendente ospedaliero con tanto di retribuzione senza tuttavia spiegare, quando e soprattutto come, mantenesse tale status. Niente di quanto detto è vero". Il legale ha spiegato che Marcianò ha percepito, il 50% dello stipendio, l'assegno alimentare, fino a quando previsto dalla legge. "Tra l'altro - ha aggiunto Mammoliti - l'Azienda sanitaria era parte civile nel processo, come è possibile che sia accaduto ciò che dice Brancati? L'Asp ha anche negato la riassunzione dopo che a Marcianò la Cassazione aveva annullato la prima sentenza di condanna ed era libero".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi