Il vecchio padrino s’è pentito in punto di morte

La singolare storia di Domenico Critelli, detto “Saragat”, capobastone della ’ndrina di Cariati deceduto per una grave malattia. I mafiosi del “locale” di Cirò l’avevano deposto nel 2014. Ha reso confessioni ai pm di Catanzaro

Il vecchio padrino s’è pentito in punto di morte

“Saragat” era tornato a casa per ragioni di salute nel 2014, lasciandosi alle spalle il carcere ed una condanna pesante passata in giudicato. Tornato tra la sua gente, aveva però subito capito che tante cose erano cambiate: nessuno veniva a domandargli consiglio, la casa era vuota, i saluti dei vecchi “compari” cordialmente freddi. Lui non era più lui. Nel senso che il posto e il bastone di comando non gli venivano più riconosciuti. Qualcuno aveva deciso che dovesse passare la mano. I cirotani l’avevano mandato per sempre in “pensione”. Non avrebbe più avuto l’ultima parola su nulla, né sarebbe stato più invitato alle “riunioni” che contano. Dopo lustri di omertà e malandrineria, l’avevano “licenziato” come l’ultimo degli infami. Lui che aveva patito catene e galera, schivando pallottole e lame. Per comunicargli che ormai non era più “niente” gli avevano mandato in ospedale il nipote del superboss Cataldo Marincola. Era troppo per “Saragat”. È per questo che ha deciso di parlare con i carabinieri e con i magistrati. Al procuratore aggiunto di Catanzaro, Vincenzo Luberto e al pm antimafia Domenico Guarascio ha svelato i segreti dell’area compresa tra Cariati, Corigliano, Rossano, Cirò e Strongoli. Dei luoghi nei quali un tempo “contava” come gli antichi re contavano nei loro regni.

L'articolo completo potete leggerlo nell'edizione cartacea

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi