Rossano

Padre ucciso a Natale, omicida non risponde al pm

Interrogato fino a notte fonda l'ingegnere 35enne che ieri per futili motivi ha ucciso il padre. L'uomo è apparso in stato confusionale.

Litiga con il padre e lo uccide a fucilate

Non ha risposto alle domande del pm della Procura di Castrovillari, Cesare Vitale, l'ingegnere trentacinquenne che ieri, per futili motivi, ha ucciso a fucilate, due colpi alla testa, il padre nella loro abitazione nel centro storico di Rossano. Le indagini sull'omicidio, coordinate dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, sono condotte dagli uomini del Commissariato di Ps di Rossano. Davanti ai poliziotti, giunti dopo la segnalazione di una vicina preoccupata per il trambusto, Cesare Vitale non ha opposto alcuna resistenza.

Apparso sotto shock e in stato confusionale, l'uomo, che è difeso dall'avvocato Francesco Nicoletti, è stato interrogato fino a notte fonda dal pm di turno della Procura di Castrovillari ma si è chiuso in un ostinato mutismo. In casa, al momento dell'omicidio, oltre a padre e figlio c'erano la madre del trentacinquenne, il fratello e la nonna. Sentiti anche i parenti e i vicini.

Da quanto si è appreso nella famiglia Vitale, la vittima era impiegato nel Tribunale di Castrovillari e non c'erano mai stati litigi o particolari dissapori. All'omicida, appassionato cacciatore, proprio recentemente era stato rinnovato il porto d'armi. Al momento il magistrato, dopo l'ispezione cadaverica compiuta ieri dal medico legale, non ha disposto l'effettuazione dell'autopsia. Sequestrate, invece, l'abitazione dove è avvenuto il fatto e un appartamentino dello stesso stabile dove l'omicida viveva da solo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi