Nel Cosentino

Litiga con il padre e lo uccide a fucilate

E' accaduto nel centro storico di Rossano

Litiga con il padre e lo uccide a fucilate

 Un uomo di 64 anni, Giuseppe Vitale, detto "Tonino" è stato ucciso a colpi di fucile, a Rossano, dal figlio Cesare, di 35 anni, al culmine di una lite che sarebbe scoppiata per futili motivi nell'abitazione dei due, un palazzo nel centro storico di Rossano.
L'omicida, che è stato immediatamente fermato dalla polizia di Stato, a seguito del diverbio con il genitore ha imbracciato il proprio fucile da caccia, detenuto legalmente, facendo fuoco due volte contro il genitore.

La vittima del parricidio lavorava come impiegato nel Tribunale di Castrovillari. Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, sono condotte dalla Polizia di Rossano con la collaborazione dei carabinieri.


C'è sgomento e incredulità tra gli abitanti del quartiere, dove la famiglia dell'omicida e della vittima, è molto conosciuta e apprezzata, "assolutamente normale", dicono tutti in coro, e che non aveva mai fatto parlare di sé.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Un ordigno per Di Landro

Un ordigno per Di Landro

di Piero Gaeta