Cosenza

I finti docenti depennati dalle graduatorie

Pugno di ferro dell’ufficio scolastico provinciale nei confronti dei “prof” che avevano presentato falsi diplomi magistrali. Gli istituti in cui prestavano servizio li hanno già sospesi. Chi produceva certificazioni e i titoli fittizi?

I finti docenti depennati dalle graduatorie

Tutti depennati. I docenti ammessi ad insegnare dopo aver prodotto titoli di studio e certificazioni di abilitazione fittizi sono stati cancellati dalle graduatorie ad esaurimento dall’Ufficio scolastico provinciale di Cosenza. Il provveditore Luciano Greco ha usato il pugno di ferro contro i “professori” coinvolti nell’inchiesta della magistratura inquirente cosentina che ha smascherato un giro di falsi diplomi magistrali e di mai rilasciate attestazioni di abilitazione all’insegnamento nel settore del sostegno. Il provvedimento notificato alle scuole interessate bolla i destinatari come «soggetti non in possesso di valido titolo di studio per l’accesso alle graduatorie relative al personale docente di scuola primaria o dell’infanzia». E aggiunge: «I docenti non sono in possesso dei requisiti di ammissione». L’estromissione degli indagati apre le porte all’insegnamento ad altri docenti che, al contrario, pur avendo sostenuto le prove necessarie ad ottenere regolarmente i titoli erano stati esclusi. Quello registrato ieri è solo il primo effetto di questa clamorosa indagine condotta dai carabinieri del colonnello Piero Sutera e coordinata dal procuratore Mario Spagnuolo, dall’aggiunto Marisa Manzini e dal pm Giuseppe Cava. Già, perché gli accertamenti si allargano adesso a molte altre regioni e scuole della Penisola. La falsificazione dei documenti potrebbe rivelarsi, infatti, una sorta di espediente comunemente usato per accadere al settore scuola senza pagare il dazio dell’impegno reale derivante dallo studio. Controlli a campione dovranno pertanto essere svolti in atri distretti scolastici per smascherare profittatori e “furbetti” del diploma. Non solo. Le investigazioni avviate dal capitano Jacopo Passaquieti appaiono pure orientate a dare nome e volto agli ispiratori e organizzatori di questa sorta di “fabbrica” di titoli farlocchi. Una “fabbrica” che, evidentemente, in cambio del rilascio di diplomi e certificazioni pretendeva il pagamento di somme di denaro. Gli inquirenti ipotizzano che vi fosse un vero e proprio prezziario.

I diplomi magistrali fittizi risultavano tutti rilasciati da due istituti di Belvedere Marittimo e Castrovillari, mentre le certificazioni concesse per l’abilitazione all’insegnamento di sostegno dall’«Istituto nazionale scuole e corsi professionali» di Cosenza. Quest’ultima struttura – e qui si raggiunge l’apoteosi dell’inganno – risulta chiuso ormai da anni ed aveva sede di fronte alla Questura. Ma vi è di più e di peggio. I titoli presentati per accedere all’insegnamento nel sostegno non hanno alcuna validità già dal 2001-2002 da quando, cioè, questo genere di abilitazione passa attraverso corsi sostenuti nelle università. Viene infine davvero da piangere per la rabbia pensando al fatto che gli insegnanti di sostegno sono destinati ad assistere studenti affetti da forme di disabilità. E per questa ragione, data la delicatezza della mansione da svolgere, devono seguire corsi di studio appositamente previsti dal nostro ordinamento. Nel caso dei finti “prof” scoperti nel capoluogo bruzio, è addirittura emerso che molti di loro non avevano addirittura completato il normale ciclo di studi superiori preferendo, al contrario, comprare direttamente il diploma. Che tristezza...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi