Reggio Calabria

'Ndrangheta: confiscati beni per 250 mila euro

Carabiniere uccide il padre

I carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria hanno eseguito una sentenza di confisca dei beni per un valore di 250 mila euro riconducibili a Rocco Carbone, di 50 anni, ed al suo nucleo familiare.

«Carbone, ritenuto affiliato alla cosca Gallico-Bruzzise della 'ndrangheta, una delle consorterie criminali più agguerrite che esercita la propria egemonia sui territori di Palmi e zone limitrofe - riferiscono i militari in una nota - è stato tratto in arresto nel giugno 2010 in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Reggio Calabria nell’ambito dell’operazione denominata 'Cosa Mià».

I beni sottoposti a confisca consistono, in particolare, in due terreni agricoli, per un valore complessivo di 220 mila
euro, ed in alcuni buoni postali per 30 mila euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi