Il punto

Gli aeroporti calabresi in rete

A Roma vertice sullo scalo di Crotone: la Regione pronta a ritirare il ricorso, i Comuni no. Il viceministro Nencini: «Il nostro obiettivo è una gestione unica e corale»

Gli aeroporti calabresi in rete

Aeroporti calabresi sempre in primo piano. Si è svolta ieri nella sede del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, la riunione convocata dal vice ministro Riccardo Nencini con la partecipazione del sottosegretario al Turismo, Dorina Bianchi, i vertici di Enac, il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, il sindaco di Crotone, Ugo Pugliese, e il vicesindaco di Isola di Capo Rizzuto, Anselmo Rizzo.

Al termine dell’incontro, il vice ministro Nencini e il sottosegretario Bianchi hanno affermato: «L’aeroporto di Crotone deve essere messo nelle condizioni di ripartire prima dell’estate per svolgere il proprio servizio ai cittadini e garantirne la fruibilità turistica. A seguito della sospensione della sentenza del Tar da parte del Consiglio di Stato, Enac ha avviato le procedure di gara per assegnare la gestione dello scalo di Crotone. Siamo preoccupati e perplessi, però, per l’atteggiamento delle due amministrazioni comunali. Infatti alla nostra richiesta di ritirare il ricorso, la Regione Calabria si è resa subito disponibile a farlo mentre i Comuni di Crotone e di Isola di Capo Rizzuto si sono riservati di valutare. Ciò potrebbe produrre un rischio per il futuro e far saltare la stagione estiva. I vettori, infatti, hanno bisogno di tempo per poter programmare i voli sull’aeroporto, così come i tour operator hanno necessità di confermare quanto prima i posti letto alle strutture alberghiere. Invitiamo, pertanto, i sindaci a favorire una positiva soluzione ritirando il ricorso».

L'approfondimento nell'edizione in edicola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Cade da sei metri, morto operaio

Cade da sei metri, morto operaio

di Luigi Michele Perri