'Ndrangheta

Tentata estorsione, due arresti nel Catanzarese

Operazione della Polizia di Stato, uno è figlio presunto boss

Tentata estorsione, due arresti nel Catanzarese

Hanno tentato di estorcere somme di denaro al titolare di una impresa edile impegnata nella costruzione di un complesso di ville. Due persone Francesco Procopio, di 27 anni e Teodoro Notaro, di 23, sono stati arrestati dalla Polizia di Stato con l'accusa di tentata estorsione aggravata dalla metodologia mafiosa. I provvedimenti sono stati emessi dal gip distrettuale di Catanzaro su richiesta della Procura e a seguito delle indagini condotte dalla Squadra mobile del capoluogo su danneggiamenti nei confronti di imprese impegnate nella zona del basso versante jonico catanzarese. Inizialmente la richiesta era di 5 mila euro poi scesa a tremila. La vittima era in stato di particolare soggezione: il 27enne, infatti, è il figlio di Procopio Fiorito attualmente in carcere, ritenuto tra i maggiorenti della cosca Procopio-Lentini-Tripodi operante nel soveratese. Francesco Procopio è attualmente detenuto, mentre Notaro è stato rintracciato nella sua abitazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi