Catanzaro

Assunti a tempo indeterminato medici e tecnici negli ospedali

A Catanzaro utilizzate le graduatorie ancora valide di Cosenza. A Catanzaro utilizzate le graduatorie ancora valide di Cosenza

Assunti a tempo indeterminato medici e tecnici negli ospedali

Sono in via di attuazione, da parte delle Aziende del servizio sanitario regionale, le procedure di assunzione a tempo indeterminato di personale sanitario appartenente a diversi profili, autorizzate dalla struttura commissariale della Sanità con il decreto 54/2016. Giusto ieri l’Azienda ospedaliera Pugliese-Ciaccio di Catanzaro ha reso noto di aver coperto due posti di medico neonatologo, assumendo in servizio le dottoresse Valentino Talarico e Maria Rosa Velletri, utilizzando la graduatoria del concorso pubblico espletato dall’Ao di Cosenza, in assenza di una propria graduatoria aperta. Infatti ogni Azienda è obbligata a scorrere le proprie graduatorie ancora valide o, in alternativa, può attingere a quelle delle altre aziende. Sempre utilizzando la graduatoria di Cosenza l’Ao Pugliese-Ciaccio ha proceduto alla copertura di un posto di ematologo assumendo la dott. Maria Bruna Greve. La copertura di questo posto era stata autorizzata oltre un anno fa con il Dca 87 dell’11 agosto 2015. Attingendo invece dalle proprie graduatorie l’Ao Pugliese-Ciaccio ha assunto due tecnici di radiologia. Intanto tutte le Aziende stanno espletando i concorsi per il reclutamento dei primari che in parte occuperanno i posti vacanti e in parte dovranno sostituire i facenti funzioni, ancora molto numerosi soprattutto negli hub. I concorsi autorizzati con il decreto 56/2016 serviranno a coprire 20 primariati all’Azienda ospedaliera di Cosenza, 8 all’Ao di Catanzaro e 18 all’Ao di Reggio che già ne aveva selezionati 5 nei mesi scorsi. Intanto è stato pubblicato sul Burc il nuovo bando (dopo l’annullamento del sorteggio espletato) per la costituzione della commissione esaminatrice per il conferimento dell’incarico di primario di Chirurgia pediatrica del Pugliese di Catanzaro.

Cardiochirurgia a Reggio

A fine agosto l’Azienda Bianchi-Melacrino-Morelli di Reggio guidata da Frank Benedetto ha messo il sigillo sulla procedura di costituzione e nascita della divisione della cardiochirurgia agli Ospedali Riuniti. È stata ultimata, infatti, la fase di reclutamento del personale che sarà impiegato nella divisione. Il passaggio finale è stato legato all’ufficializzazione della graduatoria dell’ultima procedura concorsuale. A quel punto tutte le pedine risultavano sistemate sullo scacchiere. La cardiochirurgia reggina, guidata da Pasquale Fratto, avrà 7 cardiochirurghi, sei cardio-interventisti, 3 perfusionisti, 6 cardionastesisti e 25 infermieri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi