Calabria

Acqua, Sorical non fa sconti

Drastica controffensiva per recuperare somme e abbattere la morosità. Nel 2015 intimate oltre 350 riduzioni idriche agli Enti “in ritardo” con i pagamenti

acqua potabile

Sono state oltre 350 le diffide di riduzione della portata dell’acqua emesse dalla Sorical, società Risorse Idriche Calabresi, nel 2015 e solo nei mesi da febbraio a dicembre dello scorso anno. Questo il dato forte della guerra sull’acqua che va avanti ormai da anni in Calabria e che viene fuori leggendo le oltre 100 pagine del bilancio di esercizio. Sorical ormai non fa più sconti a nessuno. La sua situazione finanziaria era arrivata al limite del tracollo. Dopo questa importante azione l’ammontare dei crediti da incassare si attesta a 146 milioni di euro con un decremento di 86 milioni che sono entrati nelle casse della società in gran parte anche per l’azione di recupero attivata contro gli enti.

A questo si deve aggiungere anche una nuova attività partita l’anno scorso: ovvero l’aumento di portata in determinati Comuni richiesto nei periodi estivi concesso soltanto dopo il versamento del dovuto. Una controffensiva senza precedenti che ha portato risultati concreti con tutti gli Enti che sono stati messi alle corde.

L'approfondimento nell'edizione in edicola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi