Reggio

Sarra parla e la politica trema

L’ex consigliere regionale ha svelato agli inquirenti di “Mamma Santissima” altri nomi della cupola segreta. Tra gli “invisibili” ci sarebbero anche Scopelliti, Valentino, Pirilli e Fuda

Sarra parla e la politica trema

Alberto Sarra allarga la cerchia delle accuse di “Mamma Santissima” svelando altri nomi della cupola segreta di Reggio. L'ex consigliere regionale, interrogato per due volte in carcere dove è recluso proprio perchè ritenuto una delle figure centrali della ’ndrangheta “riservata”, ha indicato al pm della Dda, Giuseppe Lombardo, e ai Carabinieri del Ros altri nomi eccellenti. Agli inquirenti ha spiegato: «Il ruolo di Paolo Romeo nell’ambito del sistema criminale allargato di cui fa parte è di rilievo elevatissimo: unitamente a lui di quel contesto fanno parte Giuseppe Valentino, Giuseppe Scopelliti, Antonio Caridi, Umberto Pirilli e Pietro Fuda».

I due interrogatori di Alberto Sarra sono stati effettuati quale «persona sottoposta ad indagine in procedimento connesso in stato di detenzione», confermando la scelta del politico reggino, esponente di primo piano del centrodestra calabrese, di difendersi dalle pesanti accuse di “Mamma Santissima” tenendo un atteggiamento collaborativo con la Dda reggina. Dichiarazioni che fanno tremare gli ambienti della politica di Reggio e dintorni.

L'approfondimento nell'edizione in edicola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi