catanzaro

Omicidio Gigliotti,
indagini alla DDA

Sarà la Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro ad indagare sull'omicidio di Santo Gigliotti, 57 anni, assassinato a Sorbo San Basile con circa 40 colpi di kalashnikov alle 7.10 di questa mattina dopo essere uscito da casa.

Omicidio Gigliotti,  indagini alla DDA

Sarà la Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro ad indagare sull'omicidio di Santo Gigliotti, 57 anni, assassinato a Sorbo San Basile con circa 40 colpi di kalashnikov alle 7.10 di questa mattina dopo essere uscito da casa. Le modalità del delitto, infatti, non lasciano dubbi sulla matrice dell'omicidio. Da qui l'apertura del fascicolo d'inchiesta da parte della Dda che, tramite i Carabinieri del reparto operativo del Comando provinciale, che hanno fatto i rilievi di rito sul luogo del delitto, ha avvi9ato le indagini per fare piena luce sul fatto di sangue. Gigliotti era una persona già nota alle forze dell'ordine e alla magistratura. Nell’aprile del 2006, l'uomo fu arrestato per favoreggiamento, perché in una abitazione interna alla sua azienda casearia furono bloccati il latitante Giuseppe Arena, di 50 anni, ritenuto il capo dell’omonima cosca di Isola Capo Rizzuto, nel crotonese, e del suo luogotenente, Francesco Gentile, 57 anni. Inoltre, Gigliotti, nell'ottobre 2009 era stato raggiunto da un provvedimento di chiusura delle indagini preliminari, condotte dai Ros dei Carabinieri,  perché indagato nell'operazione antimafia denominata "Ghibli", scattata la notte del 20 aprile 2009 tra la Calabria e l'Emilia Romagna con l'esecuzione di 20 ordini di custodia cautelare in carcere nei confronti di altrettanti presunti affiliati e fiancheggiatori della cosca Arena di Isola Capo Rizzuto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi