Sisma Pollino

La regione chiede
stato di calamità

Approvato all'unanimità dal consiglio regionale il documento con cui si chiede al governo la dichiarazione di stato d'emergenza.

La regione chiede
stato di calamità

Una via di Mormanno interessata dalla lesioni

Il consiglio regionale della Calabria, dopo aver ascoltato l'informativa del sottosegretario alla protezione civile Torchia, ha chiesto al governo la dichiarazione dello stato di calamità per le aree del Pollino interessate dal grave  terremoto del 26 ottobre scorso e dallo sciame sismico che ancora continua. Il documento, che è stato approvato all'unanimità, impegna la giunta  ad "intraprendere ogni utile iniziativa  per alleviare i disagi e le sofferenze  delle popolazioni colpite dal sisma e a sollecitare al governo l'opportunità  di riconoscere lo stato di emergenza per poter cosi consentire ogni utile misura di sostegno. Inoltre, si chiede  la possibilità della redazione di un piano straordinario di interventi  strutturali per la riduzione del rischio sismico e la messa in sicurezza degli immobili". Il presidente Scopelliti ha sottolineato come la mancata disponibilità del governo a conferire risorse rappresenterebbe un grave problema  considerata l'alta percentuale di edifici privati danneggiati dal sisma. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi