Silvio Mirarchi

Da Catanzaro a Palermo i familiari del maresciallo ucciso

I carabinieri del Comando provinciale di Trapani confermano la notizia dell'arresto del proprietario delle serre in cui era stata impiantata la piantagione di marijuana

Da Catanzaro a Palermo i familiari del maresciallo ucciso

Silvio Mirarchi

Silvio Mirarchi, il maresciallo dei Carabinieri morto ieri all'Ospedale Civico di Palermo, era originario del quartiere Cava di Catanzaro. In città risiedono la madre e i fratelli. I familiari di Mirarchi si sono già recati in Sicilia dove il maresciallo viveva stabilmente con la propria famiglia.

______

I carabinieri del Comando provinciale di Trapani confermano la notizia dell'arresto del proprietario delle serre in cui era stata impiantata la piantagione di marijuana (6 mila piante) che sarebbe stata scoperta, durante un servizio di appostamento, dal maresciallo Silvio Mirarchi, deceduto ieri pomeriggio all'Ospedale civico di Palermo dopo le gravi lesioni provocate da due colpi di pistola che lo hanno raggiunto a un rene e all'aorta. Il nome dell'arrestato, accusato di coltivazione di droga, dovrebbe essere diffuso in giornata con un comunicato ufficiale. Massimo riserbo, intanto, sulle indagini in corso per scoprire chi ha sparato contro il sottufficiale. Il corpo di Mirarchi è all'istituto di medicina legale del Policlinico di Palermo, dove oggi dovrebbe essere effettuata l'autopsia. I funerali potrebbero svolgersi sabato nella Chiesa Madre di Marsala alla presenza dei vertici dell'Arma dei carabinieri.
Un applauso si e' levato dalle tribune collocate ai Fori Imperiali per Silvio Mirarchi, il carabiniere ucciso ieri a Marsala. Durante la sfilata delle Forze Armate per la Festa della Repubblica Mirarchi e' stato infatti ricordato dallo speaker della parata e dalle tribune e' partito subito un applauso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi