Genova

Duplice omicidio, Maio "depistò le indagini"

Il reggino Salvatore Maio era controllato e intercettato nell'ambito di un'indagine del Gico su un traffico di cocaina nel porto di Genova

Duplice omicidio, Maio "depistò le indagini"

L'uomo che ha ucciso Adriano Lamberti e il figlio Walter a Pegli al culmine di una lite avrebbe cercato di depistare le indagini. E' quanto emerge dall'inchiesta della squadra mobile, coordinata dal pm Patrizia Ciccarese. Il reggino Salvatore Maio era controllato e intercettato nell'ambito di un'indagine del Gico su un traffico di cocaina nel porto di Genova. E la sera dell'omicidio gli inquirenti lo hanno sentito parlare al telefono con una delle ragazze con cui si era visto al bar "Il Risveglio". Con la donna Maio ha cercato di concordare la versione di una legittima difesa ma, soprattutto, quella della proprietà della pistola: e cioè che era di una delle vittime. Secondo una tesi di comodo l'assassino gliel'avrebbe strappata di mano durante la lite fuori dal locale. Le due ragazze sono state identificate dalla polizia che in queste ore le sta interrogando. Maio aveva dato proprio questa versione la sera stessa dell'assassinio durante l'interrogatorio. Oggi, davanti al gip, ha invece ritrattato e sostenuto che l'arma era sua. L'avrebbe, a quanto pare, ereditata. Al termine dell'interrogatorio, il magistrato ha applicato la misura della custodia cautelare in carcere. (a.a.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi