'Ndrangheta

Respinta richiesta
d'interrogatorio

L'aveva avanzata l'imprenditore calabrese Giuseppe Giglio, coinvolto nel processo Aemilia, in corso a Bologna. Il gup ha rigettato

tribunale generico

Giuseppe Giglio, imputato nel processo di 'ndrangheta 'Aemilia' in corso a Bologna, non sarà sottoposto a interrogatorio nell'udienza del rito abbreviato. Il Gup Francesca Zavaglia ha infatti rigettato l'istanza dell'imprenditore calabrese, da poche settimane divenuto collaboratore di giustizia. La richiesta era stata fatta nella scorsa udienza dal nuovo difensore, avvocato, Luigi Li Gotti, che aveva prodotto i verbali con le trascrizioni delle sue prime dichiarazioni, fatte dopo la scelta di collaborare. Secondo quanto si apprende il giudice, nell'ordinanza letta nell'aula a porte chiuse, avrebbe rigettato la richiesta di interrogatorio di Giglio, non ravvisando l'assoluta necessità di assunzione della prova ai fini della decisione. Contro l'accoglimento dell'istanza si erano espressi i difensori di alcuni imputati, tra cui gli avvocati, Gaetano Insolera e Tommaso Guerini. (AA)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi