Emergenza rifiuti

Impianti rsu a rischio,
Veolia impone lo stop

La multinazionale francese non ha più liquidità per gestire i siti di Gioia Tauro, Crotone, Rossano, Siderno e Reggio. Al via la mobilità. L’azienda vanta crediti milionari dal commissario. Venerdì si tenterà di scongiurare il blocco previsto dal 27.

veolia reggio
Ieri la società Veolia ha comunicato, in base a quanto ci è stato detto, dai rappresentanti della Cgil e della Uil, che dal 27 ottobre prossimo non è in grado di garantire la
continuità del servizio nei siti di trattamento dei rifiuti che ha in concessione. Gioia Tauro, Rossano, Crotone, Siderno e Reggio Calabria sono in bilico per la grave crisi di liquidità in cui versa la società che ha a La Spezia una procedura aperta per evitare il fallimento. Manca ancora un bando di gara per la scelta del soggetto gestore del post
Veolia e ieri l’assessore regionale all’ambiente Francesco Pugliano ha garantito che il tutto si sbloccherà a breve. Intanto è partita pure la procedura per la messa in mobilità del personale. Per venerdì convocato un incontro.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi