Lamezia

Cadono da un ponte col Suv, muoiono due imprenditori

Tragica fatalità accanto all’area industriale di Lamezia. Giuseppe Perugini era un proprietario terriero di Curinga. Il suo amico e collega Giuseppe Di Leo era di Taurianova

Cadono da un ponte col Suv, muoiono due imprenditori

Vieni, ti faccio vedere l’azienda. I due amici di sempre s’infilano sul nuovo Suv e vagano per le stradine interpoderali in piena Piana di Lamezia. Davanti, verso il mare, c’è l’area industriale con i suoi scheletri del passato, accanto la Statale 18 trafficatissima e nelle vicinanze una frequentata stazione di rifornimento.

A guidare è Giuseppe Perugini, 65enne di Curinga, l’imprenditore che manda avanti l’azienda agricola. Accanto a lui Giuseppe Di Leo, 84 anni portati bene, di Taurianova. Forse l’autista si distrae un attimo mostrando al vecchio amico i suoi terreni, o forse gli prende un malore improvviso. Sta di fatto che mentre il fuoristrada passa su un piccolo ponte strettissimo e corto che taglia il torrentello La Grazia, una gomma va in fallo e l’auto precipita. Un volo di oltre quattro metri che è fatale per tutti e due.

L’auto si cappotta, i due anziani balzano dai sedili e vengono sommersi dall’acqua gelida del torrente che le ultime piogge hanno gonfiato. E quando un agricoltore del posto vede quel grosso Suv bianco sotto il ponte dà l’allarme. Ma è troppo tardi. Perugini e Di Leo sono senza vita.

Scattano i soccorsi per recuperare i cadaveri. Ma anche il fuoristrada che messo di traverso sbarra il corso d’acqua. Arriva la squadra antinfortuni dei vigili urbani lametini al comando del colonnello Aldo Rubino, carabinieri, polizia di Stato, ed i vigili del fuoco con i loro mezzi d’emergenza, tra cui un’autogru per tirare su il fuoristrada e il gruppo sommozzatori per immergersi nel torrente.

A coordinare le indagini è il sostituto procuratore Luigi Maffia che ha immediatamente disposto l’autopsia per l’accertare la causa della morte dell’autista. E capire con certezza se si è trattato di un malore che ha sopraffatto Giuseppe Perugini facendogli perdere il controllo del mezzo, fino a cadere giù dal pontino col suo più affezionato amico e collega imprenditore.

Molto probabilità s’è trattato di una tragica fatalità. Il terreno era viscido per le piogge di questi ultimi giorni, ma l’auto è concepita per lo sterrato. Ieri nella tarda mattinata c’era il sole sull’area industriale accompagnato da poche nuvole. E non si trattava sicuramente la prima volta che l’imprenditore si aggirava con l’auto tra i suoi poderi, a pochi chilometri dall’aeroporto lametino. Zona di confine tra il comune di Lamezia e quello di Curinga.

Una fatalità ancora tutta da chiarire quella che ieri ha scosso l’intera Piana lametina. A poche centinaia di metri dalla fabbrica dove tre anni fa morirono tre operai per lo scoppio improvviso di una turbina. Anche quella una tragica fatalità ancora tutta da chiarire.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi