Meteo

Ondate di calore?
Si ricomincia

Lo dice in una nota il meteorologo di 3bmeteo.com Francesco Nucera, precisando che l'aria nord proveniente dall'Africa invaderà buona parte dell'Europa Centrale ed il Baltico.

Ondate di calore?
Si ricomincia

"L'autunno rientra ai box di partenza, ci attende un periodo di caldo quasi estivo". Lo dice in una nota il meteorologo di 3bmeteo.com Francesco Nucera, precisando che l'aria nord proveniente dall'Africa invaderà buona parte dell'Europa Centrale ed il Baltico. Il picco di questa mini-ondata di calore fuori stagione verrà raggiunto domenica; si attendono punte di 27-28 gradi al Sud, sulle isole Maggiori e sulle centrali tirreniche; fino a 23-24 gradi in Valpadana. Tra le città più calde Trapani, Catania, Reggio Calabria, Cosenza, Napoli, Latina, Roma, Grosseto e Firenze. 

Al Nord sarà molto mite su Alpi, Prealpi, colline e fondovalle Alpini con punte di 24-25 gradi. Si prevedono inoltre sino 20 gradi a 1500m, oltre i 15 gradi a 2000m, zero termico fino a 4000 metri sulle Alpi. "Si tratta di temperature che di norma si raggiungono a giugno - prosegue Nucera - superiori alle medie anche di 6/8 gradi". Per il momento niente piogge: solo Sardegna e Sicilia ad inizio settimana vedranno un peggioramento con acquazzoni e qualche temporale. "Per un cambiamento vero e proprio bisognerà aspettare la fine del mese quando potrebbero giungere i primi freddi".

 Ancora una volta è colpa dell'anticiclone africano. "Da aprile - rileva il meteorologo di 3bmeteo.com - è la sedicesima volta che l'anticiclone africano fa visita all'Italia, soprattutto a quella del Centro Sud. Nove ondate di calore hanno reso l'estate 2012 la seconda più calda di sempre. Quello attuale è un anticiclone tipicamente estivo, sia per forza che per estensione". Secondo Nucera, "anche i peggioramenti fin'ora avuti dimostrano come l'estate non sia sparita del tutto: perturbazioni veloci associate a precipitazioni in prevalenza temporalesche per cui non uniformemente distribuite. Questo è dovuto alla mancanza di veri e propri richiami di masse d'aria umida e dall'assenza di strutture depressionarie ben organizzate sul Mediterraneo". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi