'ndrangheta

Reggio, 12 arresti
tra le cosche e
sequestri per 5 mln

Operazione della squadra mobile di Reggio Calabria stamani per l'esecuzione di 12 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di presunti affiliati alle cosche Rosmini e Caridi, attive nel capoluogo. I 12 sono accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione, intestazione fittizia di beni, porto e detenzione abusiva di armi. L'indagine, coordinata dalla Dda, ha portato anche al sequestro di attività commerciali per un valore di 5 milioni di euro.

polizia reggio
"Bisogna dare il pane al popolo così vi vuole bene. Quindi poco ma devono pagare". Così si esprimeva, parlando con gli affiliati alla cosca, Francesco Rosmini, di 48 anni, ritenuto uno degli elementi di spicco dell'omonima cosca, arrestato stamani dalla squadra mobile di Reggio Calabria nell'ambito dell'operazione "Cartaruga". Un altro provvedimento restrittivo è stato notificato in carcere al cugino di Francesco, Diego Rosmini (40), anche lui ritenuto al vertice della cosca. Tra gli altri arrestati figurano Natale Alampi e Antonino Casili, diventati, secondo l'accusa, dirigenti ed organizzatori della cosca insieme a Carmelo Mandalari, uomo di estrema fiducia di Diego Rosmini. Gli arrestati sono accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione, intestazione fittizie di attività commerciali, e della disponibilità di armi da guerra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi