La studentessa cosentina

Stuprata e uccisa
Processo rinviato

E' stato nuovamente rinviato il processo per l'omicidio di Roberta Lanzino, la studentessa violentata ed uccisa a Torremezzo di Falconara Albanese il 26 luglio del 1988. Il rinvio al 21 novembre è stato deciso per un impedimento personale della presidente della Corte d'assise di Cosenza Antonella Gallo.

Stuprata e uccisa
Processo rinviato
E' stato nuovamente rinviato il processo per l'omicidio di Roberta Lanzino, la studentessa violentata ed uccisa a Torremezzo di Falconara Albanese il 26 luglio del 1988. Il rinvio al 21 novembre è stato deciso per un impedimento personale della presidente della Corte d'assise di Cosenza Antonella Gallo.

Il processo, che vede imputato Franco Sansone, di 49 anni, rischia di dovere ricominciare dall'inizio. La presidente Gallo, infatti, è stata trasferita e se non sarà applicata al processo il dibattimento dovrà ricominciare.

Nell'ultima udienza de marzo scorso, il boss della 'ndrangheta di Cosenza Franco Pino, da anni collaboratore di giustizia, ha accusato Sansone di essere di essere uno degli autori del delitto insieme a Luigi Carbone, scomparso nel 1989.

Secondo gli inquirenti, Carbone sarebbe stato ucciso ed il corpo fatto sparire proprio da Sansone per evitare che potesse rivelare particolari sul delitto della studentessa. Pino ha riferito ai giudici di avere raccontato quello che ha saputo da un altro detenuto mentre, nel 1995, era nel carcere catanzarese di Siano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi