Neve sulla A3

Cosenza, blitz negli uffici Anas

Carabinieri a caccia di prove dopo la paralisi causata da una nevicata ampiamente prevista. Associazioni dei consumatori sul piede di guerra: risarcire le vittime

Commissariato l'Esercizio dell'A3 Salerno-Reggio

Blitz dei carabinieri negli uffici cosentini dell’Anas. I militari dell’Arma, eseguendo le indicazioni impartite dal procuratore capo Dario Granieri, ieri hanno acquisito documenti utili ad accertare le responsabilità di quanto accaduto martedì scorso sulla Salerno-Reggio Calabria. Tre giorni fa, infatti, migliaia di automobilisti sono rimasti intrappolati lungo il tratto di A3 compreso tra Altilia e Cosenza a causa di un’intensa nevicata ampiamente prevista. Intanto, il consigliere regionale Fausto Orsomarso chiede a gran voce le dimissioni del capo della Protezione civile calabrese Carlo Tansi. Nel mirino i mancati soccorsi agli automobilisti, abbandonati all’addiaccio per dieci lunghe ore. Tansi aveva precedentemente addossato tutte le responsabilità all’Anas. A sostegno delle tremila vittime rimaste intrappolate sull’autostrada, scendono in campo pure le associazioni a tutela dei consumatori: diverse sigle invocano il rapido risarcimento dei danni provocati a migliaia di persone, mettendo i loro uffici legali a disposizione dei diretti interessati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi