Reggio Calabria

Detenzione armi da guerra, arresti nel Reggino

All'alba scattata una vasta operazione dei Carabinieri. Associazione per delinquere di tipo mafioso, porto e detenzione di armi da guerra e comuni da sparo, ricettazione, rivelazione ed utilizzazione di segreti d’ufficio tra i reati contestati

Detenzione armi da guerra, arresti nel Reggino

Dalle prime ore di oggi nella provincia di Reggio Calabria ed in varie altre province è in corso una vasta operazione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria per l’esecuzione di ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del tribunale di Reggio Calabria su conforme richiesta della locale Procura Distrettuale Antimafia.
I reati contestati sono associazione per delinquere di tipo mafioso, porto e detenzione di armi da guerra e comuni da sparo, ricettazione, rivelazione ed utilizzazione di segreti d’ufficio, favoreggiamento personale, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti o psicotrope, estorsione, furto, spendita e introduzione nello Stato, previo concerto, di monete falsificate, danneggiamento seguito da incendio, tutti aggravati dal metodo mafioso. Gli arrestati sono una ventina e la zona è Cinquefrondi, Anoia principalmente, ed altre province.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi