messina

Presunta intimidazione al figlio di Gratteri

Qualcuno avrebbe suonato al campanello dell'appartamento del figlio del magistrato a Messina. Dallo spioncino il ragazzo avrebbe visto due persone incappucciate. Indaga la Polizia.

Nicola Gratteri

Nicola Gratteri

La polizia di Messina sta indagando su un presunto episodio intimidatorio che riguarda il figlio del procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Nicola Gratteri. Secondo il ragazzo che abita in un edificio vicino all'Università di Messina dove studia, qualcuno avrebbe suonato al campanello del suo appartamento presentandosi come poliziotti: ma dal pianerottolo il ragazzo avrebbe poi notato due persone incappucciate scendere le scale dal piano sopra al suo. Gratteri è uno dei magistrati maggiormente esposti nella lotta alla 'ndrangheta con specifico riferimento al traffico di stupefacenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi