Nel Catanzarese

Falsi call center pronti alla truffa

Segnalati diversi casi nel basso Ionio. “Operatori” insistenti che chiedono persino l’iban, fascia oraria: 12-14

Falsi call center pronti alla truffa

Il copione si ripete da giorni nella fascia oraria che dalle 12 si estende fino alle 14 quando decine di utenze telefoniche fisse, dislocate nei paesi di Montepaone, Montauro, Gasperina, Stalettì, Soverato e Satriano confermano di aver ricevuto strane telefonate da quello che si evidenzia come un sospetto falso call center straniero, impegnato ad estorcere dati personali. Qualcosa di diverso dalle chiamate periodiche di sedicenti società di fornitura di energia elettrica e gas (soliti a chiedere dati delle fatture telefoniche per attivare nuovi servizi mai richiesti dagli utenti) che si delinea con telefonate che, tra le richieste di operatori incalzanti, arrivavano al tentativo di ottenere dati sensibili e numeri di conto correnti bancari. Operatori che, dinanzi i dinieghi a muso duro degli utenti (impegnati ad evidenziare di considerare la telefonata in “odor di truffa”) si sono lasciati andare ad insulti e minacce per poi realizzare ripetute telefonate a pochi minuti di distanza con cadenza quotidiana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi