Vibo Valentia

Autopsia sul feto: rilevata sofferenza del cordone

La partoriente, di 28 anni - secondo la denuncia presentata da lei e dal marito - nei giorni scorsi aveva avuto dei dolori addominali e si era recata nell'ospedale di Vibo

ospedale generico

Una sofferenza del cordone ombelicale, con uno scorrimento non corretto del sangue nel condotto, è stata rilevata nel corso dell'autopsia eseguita sul feto morto poco prima del parto a Vibo Valentia. Ad effettuare l'esame autoptico sono stati due dei tre consulenti nominati dal pm Claudia Colucci: Katiuscia Bisogni e Roberto Lio (il terzo è il prof. Michele Morelli dell'Università di Catanzaro) alla presenza del consulente Alfonso Luciano, nell'interesse della famiglia De Masi-Marturano che a livello legale si è affidata all'avvocato Aldo Currà. Dagli accertamenti è emerso anche che gli organi del feto erano sani. I tecnici si sono riservati 90 giorni per il deposito della perizia in Procura. La partoriente, di 28 anni - secondo la denuncia presentata da lei e dal marito - nei giorni scorsi aveva avuto dei dolori addominali e si era recata nell'ospedale di Vibo Valentia dove i medici avrebbero riscontrato una sofferenza fetale rimandando comunque la donna a casa. La donna, giovedì, è tornata in ospedale dove è stata riscontrata la morte del feto. Nell'inchiesta, aperta dalla Procura della Repubblica di Vibo Valentia con l'ipotesi di reato di procurato aborto, sono indagati tre medici. (a.a.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi