Smog

I calabresi respirano aria pulita. Quasi sempre

L’Arpacal ha certificato la qualità dell’atmosfera nei 365 giorni del 2015 che ci siamo appena lasciati alle spalle.

I calabresi respirano aria pulita. Quasi sempre

Niente polveri sottili, siamo calabresi. Tra Pollino e Aspromonte è sotto controllo pure l’altrettanto pericoloso monossido di carbonio (Co) provocato dalla combustione degli idrocarburi presenti in carburanti e combustibili.

In questi giorni d’allarme rosso per l’aria respirata nelle grandi città, tanto da imporre la circolazione a targhe alterne se non addirittura il blocco del traffico, almeno da questo punto di vista la Calabria può trarre un sospiro di sollievo. Quasi a pieni polmoni, perché dati negativi non arrivano da nessuna delle tredici stazioni di controllo che l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente (Arpacal) ha piazzato in lungo e in largo per la regione, in zone urbane come nelle periferie, in aree industriali e in altri luoghi di particolare interesse.

I dati più recenti pubblicati dall’Arpacal sono riferiti al 31 dicembre, quindi oltre a certificare la salute dell’aria calabra nel giorno di San Silvestro, sono utili a dare uno sguardo d’insieme a quanto avvenuto nei 365 giorni del 2015 che ci siamo appena messi alle spalle.

L'approfondimento nell'edizione della Gazzetta del Sud in edicola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi