Lamezia

Pax mafiosa tra
le cosche Giampà
e Iannazzo

Il figlio del “Professore” ha spiegato i rapporti con i gruppi criminali locali e calabresi e ha indicato i luoghi degli incontri con le varie famiglie ‘ndranghetiste. Il pentito ha consegnato ai magistrati due block notes. Rivelati i dettagli degli omicidi Zagami e Gualtieri.

Pax mafiosa tra 
le cosche Giampà 
e Iannazzo

Giampà junior, che sta rivelando tutto ciò che è sua conoscenza, ha riferito in particolare ai magistrati di «avere avuto rapporti con numerosi gruppi criminali calabresi, tra i quali Iannazzo, con i quali avevamo buoni rapporti, i Cannizzaro, i Bellocco, i Mancuso, i Megna, i Mantella, i Gentile, i Lo Bianco, i Craccolici e gli Anello». Riferendo dei legami con la storica cosca di Sambiase, il collaboratore giustizia ha spiegato che «il rapporto tra la cosca Giampà e quella dei Iannazzo non consiste in una vera e propria
alleanza, soprattutto per quanto riguarda i fatti di sangue, ma in un accordo pacifico per la ripartizione del territorio di Lamezia, nel senso che così come la cosca Iannazzo non può agire senza il nostro benestare nel territorio di via del Progresso, Nicastro, Feroleto, Pianopoli, via Aldo Moro, via Marconi, il quartiere Razionale, contrada Scinà, la zona industriale di Marcellinara e la Montagna, i Giampà allo stesso modo non possono agire senza il benestare dei Iannazzo a Sambiase, Sant’Eufemia, all’ex Sir, Gizzeria, Falerna e Nocera Torinese».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi