Processo Aemilia

"I calabresi in Emilia... come musulmani"

Lo avrebbe detto nell'interrogatorio durante l'udienza preliminare del processo Aemilia a Bologna, Gianluigi Sarcone, imputato per associazione a delinquere di tipo mafioso

"I calabresi in Emilia... come musulmani"

I calabresi in Emilia "erano diventati come sono i musulmani adesso. Dal 2010, senza che fosse successo niente di diverso rispetto a prima, comparivano tutti i giorni su giornali e televisioni articoli che ci volevano 'ndranghetisti, riciclatori, spacciatori di droga". Lo avrebbe detto nell'interrogatorio durante l'udienza preliminare del processo Aemilia a Bologna, Gianluigi Sarcone, imputato per associazione a delinquere di tipo mafioso e fratello di Nicolino Sarcone, ritenuto il capo dell'organizzazione nel mirino della Dda. Il sodalizio, legato alla cosca Grande Aracri di Cutro, ha per i Pm epicentro a Reggio Emilia. L'imprenditore ne avrebbe parlato nell'udienza a porte chiuse, con riferimento ad una sorta di persecuzione nei confronti dei calabresi. E dicendo, in sostanza, che il metodo utilizzato per allontanarli dagli appalti pubblici era quello di farli apparire tutti mafiosi. I suoi difensori, gli avvocati Stella Pancari e Stefano Vezzadini, hanno chiesto per lui al Gup Francesca Zavaglia il non luogo a procedere. (a.a.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi