Cosenza

Il dna non è dei fratelli Sansone

Colpo di scena nella nuova indagine sull’omicidio della studentessa di Rende. L’esame comparativo ha dato esito negativo.

Colpo di scena nela nuova indagine sull’omicidio della studentessa di Rende. Il dna non è dei fratelli Sansone. L’esame comparativo ha dato esito negativo.

Ancora un colpo di scena nel caso di Roberta Lanzino, la studentessa stuprata e uccisa il 26 luglio del 1988 nel Cosentino. L'esame comparativo del dna trovato sotto il cadavere della vittima ha dato esito negativo: il profilo genetico non corrisponde con quello dei hermano Remo e Raffaele Sansone, rispettivamente di 53 e 56 anni, imprenditori di Cerisano. Le due persone sottoposte all'esame sono i fratelli di Franco Sansone, 52 anni, assolto la scorsa estate dalla Corte di assise di Cosenza dall'accusa di aver prima violentato e poi assassinato la Lanzino.

I particolari potete leggerli nell'edizione cartacea

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi