Crotone

Truffa all'Unione Europea, sequestrati beni a un imprenditore

Attraverso finti contratti di affitto di terreni agricoli nei comuni di Crotone, Isola di Capo Rizzuto e Cutro, ha incassato, tra il 2011 ed il 2014, circa 230.000 euro di contributi comunitari. La Gdf gli sequestra beni per 400 mila euro

Truffa all'Unione Europea, sequestrati beni a un imprenditore

Beni per 400 mila euro sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza della compagnia di Crotone ad un imprenditore agricolo coinvolto in una truffa all'Unione Europea. I beni sequestrati, su disposizione del giudice per le indagini preliminari del tribunale di Crotone, sono immobili e conti correnti. L'imprenditore, attraverso finti contratti di affitto di terreni agricoli, ha incassato, negli anni compresi tra il 2011 ed il 2014, la somma di 230.000 euro di contributi comunitari.

L'azienda agricola, secondo i finanzieri, aveva documentato la disponibilità di superfici agricole da coltivare attraverso l'esibizione di 13 contratti di affitto relativi a terreni nei comuni di Crotone, Isola di Capo Rizzuto e Cutro. Dalle indagini è emerso che, ad eccezione di due soli casi, peraltro relativi a contratti stipulati con familiari, gli altri proprietari dei terreni non erano a conoscenza dei contratti. Sui contratti erano anche stati apposte delle firme false. Un contratto, inoltre, era stato stipulato nel 2012 con la firma di una proprietaria del terreno deceduta nel luglio del 1997. Al termine delle indagini i finanzieri hanno denunciato l'imprenditore agricolo per truffa. Successivamente è stato disposto il sequestro dei beni e la segnalazione alla Procura Regionale della Corte dei Conti per accertare il danno erariale. (ANSA)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi