Caso Lea Garofalo

"Il collaboratore di giustizia Venturino è a rischio"

Con le sue dichiarazioni ha fatto ritrovare i resti di Lea Garofalo. A lanciare l'allarme il legale dell'uomo, l'avvocato Maria Claudia Conidi

"Il collaboratore di giustizia  Venturino è a rischio"

Lea Garofalo

Il collaboratore di giustizia, Carmine Venturino, che ha fatto ritrovare i resti di Lea Garofalo, è rinchiuso in un carcere «per soggetti detenuti “comuni”, ovvero possibile vittima ennesima sacrificale, poiché non consegnato a una struttura prevista per tale tipo di soggetti». A lanciare l'allarme il legale dell'uomo, l'avvocato Maria Claudia Conidi, che ha acceso i riflettori sulla vicenda dopo la trasmisisone del film in televisione sul caso di Lea Garofalo. «Esistono pentiti - ha proseguito l'avvocato - che hanno il programma di protezione e non hanno fatto rinvenire un bel nulla, e pure servono.. evidentemente. Ma quale priorità deve avere un soggetto che collabora con la giustizia… cosa interessa davvero allo Stato: assicurare la prova al giudizio.. o la vita di chi collabora rispetto al giudizio di chi non perdona?».


Ulteriori dettagli nell'edizione in edicola della Gazzetta del Sud

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi