Lamezia

Processo Perseo, le bugie dei pentiti

Clan Giampà alla sbarra. È il momento delle arringhe. Angelo Torcasio confessò di aver visto a casa sua Giuseppe Grutteria nel 2008, ma quest’ultimo era in carcere e ci rimase fino al 2009

Processo Perseo, le bugie dei pentiti

Giuseppe Grutteria, secondo il suo avvocato Lucio Canzoniere, non incontrò Angelo Torcasio a cui giurò fedeltà. Semplicemente perchè il pentito fa risalire l’incontro in casa sua a quando Grutteria era in carcere. Antonio De Vito, sostiene il suo difensore Wanda Bitonte, non era l’imprenditore edile della cosca Giampà, come sostiene invece l’accusa. Non ci sono prove di questo, dice il difensore, ed i collaboratori di giustizia che l’accusano «non sono depositari della verità».   Franco Trovato, considerato dall’accusa l’autocarrozziere al servizio del clan Giampà, non era organico alla cosca. Lo sostiene l’avvocato Giuseppe Di Renzo che lo difende in aula dall’imputazione di associazione mafiosa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi