PARLA IL BOSS PENTITO

Lamezia, Ruperti
nel mirino di Giampà

Giuseppe il “Presidente” ha avuto contatti col clan del Crotonese nel carcere di Siano. La cosca dei Papaniciari offrì assistenza per eliminare il capo della Mobile di Catanzaro.

ruperti

Rodolfo Ruperti - Capo della Mobile

Il clan dei Papaniciari avrebbe dato una mano ai Giampà per eliminare il capo della Mobile catanzarese Rodolfo Ruperti. A raccontarlo è il “Presidente” Giuseppe Giampà,
figlio del boss Francesco il “Professore”, che collabora con la giustizia da un paio di mesi. Ai magistrati della Direzione distrettuale antimafia il figlio del padrino di Lamezia
svela una situazione che riguarda Ruperti, uno dei principali protagonisti dell’o p e r azione “Medusa” che nel giugno scorso decapitò la cosca di Via del Progresso. La circostanza alla quale il collaboratore fa riferimento ruguarda l’offerta fatta da un esponente di una cosca del Crotonese di mettersi a disposizione di Giampà se avesse
avuto intenzione di eliminare il capo della Mobile che indaga sulla cosca lametina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi